You are here
Home > Magazine > Intervista ad Insanity – Vanessa Di Giovanni

Intervista ad Insanity – Vanessa Di Giovanni

Insanity Vanessa Di Giovanni

Intervista ad Insanity – Vanessa Di Giovanni

L’esempio di una passione per il pro wrestling sbocciata come un colpo di fulmine.

Nonostante gli impegni per la preparazione del live show FCW “Catch is Back” di sabato 8 aprile 2017 a Pero (MI), Vanessa Di Giovanni, in arte “Insanity”, ha ritagliato qualche minuto del suo tempo per rispondere alle domande dei lettori di ITAwrestling. Di seguito la sua intervista:

ITAwrestling: Un saluto a tutti gli amici di ITAwrestling. Oggi siamo in compagnia di “Insanity”, ovvero Vanessa Di Giovanni, icona del wrestling femminile nel panorama italiano. Prima di tutto ti ringraziamo Vanessa per la disponibilità. E’ un piacere per noi poterti fare delle domande dirette.

Vanessa Di Giovanni: Salve a tutti amici di ITAwrestling. Grazie a voi per l’opportunità e soprattutto per “l’icona” (chissà in quanti ora si staranno chiedendo quanti soldi vi ho dato per farmi chiamare così).

ITAwrestling: Come prima domanda vorremo capire cosa ti abbia indirizzato a scegliere uno sport di intrattenimento come il wrestling ?

Vanessa Di Giovanni: Seguo il wrestling da quando avevo ancora i denti da latte. Credo sia stato il mio primo colpo di fulmine, AMORE a prima vista. Rimasi subito rapita da quel quadrato contornato da corde,da quei colori, da quei rumori, dai lottatori che si sfidavano su quel ring! Molti non lo considerano neanche uno sport, io invece credo che sia lo sport più bello del mondo. Il wrestling ti insegna più di quanto possano insegnarti tutti gli altri sport messi insieme. Ma scusate sto divagando,in conclusione posso dirvi che non ho scelto io il wrestling, è lui che ha scelto me.

Insanity Vanessa Di Giovanni
Insanity Vanessa Di Giovanni

ITAwrestling: C’è una lottatrice del passato in WWF, oppure attualmente in WWE, che stimi e da cui prendi spunto per il tuo personaggio sul ring ?

Vanessa Di Giovanni: Attualmente, devo dire, che sto seguendo meno il roster femminile WWE ,tendo a seguire, sui vari siti, più le federazioni indipendenti. Se parliamo del passato invece posso lasciarvi lì seduti a leggere per un’ora. La mia preferita in assoluto era “la nona meraviglia del mondo” Chyna, l’adoravo, la vedevo cosi grande e forte, poi come non parlare di Beth Phoenix, lei era un’altra mia eroina, così fiera e forte. Adoravo la grinta di Lita, un’altra che mi piaceva era Trish. Per quanto riguarda il mio personaggio invece, avendo una gimmick non molto consueta fra le donne, ci ho messo molto del mio senza cercare di scimmiottare le mie Icone ma cercando di prendere da ognuna delle sfumature minime che rendano il mio personaggio unico nel suo genere.

ITAwrestling: Agli esordi, non ti sei mai trovata a disagio nei live show di fronte al pubblico ?

Vanessa Di Giovanni: Ecco che le domande si fanno più delicate! Ora dovrò svelarvi il mio segreto (che rimanga fra noi). Ogni volta che sono dietro quel tendino a pochi secondi dall’entrata sento il cuore arrivarmi in gola, lo stomaco inizia a ribellarsi, le gambe sembrano cedere ma poi si apre e vedo loro, li sento applaudire, gridare e in un secondo mi vien voglia di spaccare il mondo. Due volte mi è capitato di aver gridato così forte nell’entrata che son rimasta afona per tutta la durata del match e oltre. Non potrei mai trovarmi a disagio con loro, sono la mia fonte d’ispirazione più grande.

ITAwrestling: Che tipologia di allenamenti segui per  garantire live show di qualità ?

Vanessa Di Giovanni: Mi sento di essere molto critica sull’argomento. In molti credono che per salire su un ring non ci sia bisogno di allenarsi,ma sbagliano. Molti altri credono che basti fare un po’ di palestra, uno o due allenamenti su un ring o tatami a settimana, per due o tre ore alla volta, ma secondo me sbagliano anche loro. Nel wrestling bisogna applicarsi 7 giorni su 7. Ora mi prenderete per pazza,ma credo che si possa migliorare solo con allenamenti costanti e mirati e non parlo solo del lottato, parlo di psicologia, intrattenimento, del parlato. Per questo io mi sento di rispondervi che io mi alleno 7 giorni su 7, cercando di toccare tutti gli aspetti sopracitati, soprattutto ora che sto uscendo da un infortunio al gomito che non mi lascia modo di allenarmi nel lottato. Vado comunque agli allenamenti della mia accademia tutti i sabati, sia quando ci alleniamo a Rubiera sia a Pero. Guardo i miei compagni, ascolto le correzioni ed i suggerimenti che impartisce loro il mio maestro e cerco di immagazzinare tutto per poi non dovergli far ripetere le cose mille volte. Alleno la memoria, guardo video su video per capire cosa fare e cosa non fare durante un match come mi disse un giorno un grande amico e lottatore “Vane’,ruba con gli occhi !” e cerco di farlo sempre.

Insanity Vanessa Di Giovanni
Insanity Vanessa Di Giovanni

ITAwrestling: Com’è il tuo rapporto con gli altri membri del roster ?

Vanessa Di Giovanni: Bella domanda questa. Chissà quante volte avrete fatto questa domanda e quante altre volte vi sarete sentito rispondere ” Ci vogliamo tutti bene, siamo come una famiglia, siamo un grande team”. Credo che oggi non lo sentirai. Ho avuto la possibilità, per fortuna, di lavorare con la maggior parte delle federazioni italiane e ti posso assicurare che molto spesso l’ipocrisia, l’invidia, l’arroganza, l’egocentrismo e la mancanza di rispetto si fanno sentire. Cerco sempre di evitare “scontri” per il quieto vivere e l’armonia del backstage, ma vi posso assicurare che ogni tanto avrei voglia di prendere a ceffoni in pieno viso molte persone. Poi, ovviamente, ci sono anche i veri wrestlers, quelli che ascoltano prima di commentare, quelli che ti danno consigli, quelli che ti fanno critiche costruttive per aiutarti e non per mortificarti, quelli che non si “sentono già arrivati ” solo perché hanno anni di ring alle spalle …. insomma ci sono quelli che valgono!

ITAwrestling: Il pubblico come reagisce al tuo ingresso e quanta energia è in grado di trasferirti ?

Vanessa Di Giovanni: Come dicevo prima, il pubblico è adrenalina allo stato puro. Noi facciamo tutto questo per loro. Per quanto riguarda il come risponde il pubblico al mio ingresso vi invito e invito anche tutti i lettori di ITAwrestling a venirlo a vedere dal vivo, perché è una cosa che non si può descrivere ma si può solo provare. Venite agli show! Sostenere il wrestling, i wrestlers e tutto il movimento !!! Sabato 8 aprile vi aspetto al primo show del 2017 della FCW, abbiamo aspettato tanto quest’anno a partire, ma solo per essere all’altezza di portare al pubblico uno show con i fiocchi! Adesso provate a fermarci! (scusate, mi sono fatta prendere dalla voglia di rivedere quel ring e quel pubblico).

ITAwrestling: Cosa consiglieresti ad una ragazza che vorrebbe provare ad affrontare un percorso nel wrestling ?

Vanessa Di Giovanni: La prima cosa che le direi …. “Sei pronta a sacrificare la tua vita, le tue serate con gli amici, il tuo tempo libero, ossa rotte, dolori ,nottate insonni, soldi per stage ed allenamenti, montare e smontare ring e molto altro per il wrestling?” Se ci pensa per più di tre secondi non è fatta per il wrestling, il wrestling è uno stile di vita.

ITAwrestling: Ti ringraziamo molto per la disponibilità e ti lasciamo ai tuoi impegni. Ancora grazie da ITAwrestling.

Vanessa Di Giovanni: Grazie mille a voi per l’intervista. Vi aspetto tutti a Pero, sabato 8 aprile in piazza Marconi! Un saluto a tutti i lettori di ITAwrestling.

(grazie a Vanessa Di Giovanni)

Omar Ronzio
Fondatore ed amministratore del blog sportivo ITAwrestling dal gennaio 2017 ed appassionato di wrestling e fitness. Dopo più di 10 anni nella pallacanestro non professionistica consegue il diploma di "Istruttore Di Fitness e Body Building", riconosciuto dal C.O.N.I., nel febbraio del 2006. Metto a disposizione di questo sport le mie competenze da atleta e blogger sportivo in modo da poter dare maggiore voce al wrestling italiano.

Lascia un commento

*

Top