You are here
Home > Consigli > Affrontare il pro wrestling con raziocinio

Affrontare il pro wrestling con raziocinio

Partiamo subito dalla premessa che il pro wrestling non ha nulla da invidiare alle altre discipline di combattimento. Tutti sappiamo bene che si tratta di entertainment senza competizione, ma vi assicuro che sul ring non ci si danno di certo le carezze.

Ci vuole vera e propria dedizione,costanza e sacrificio.

La preparazione atletica e tecnica è veramente dura, proprio come in tutti gli sport da combattimento puro (vedi, ad esempio, pugilato ed MMA).

Uomo o donna voi siate, una volta deciso di intraprendere questo tipo di cammino, documentatevi ed affidatevi con cura a maestri di wrestling validi e competenti in quanto, purtroppo, sulla scena italiana, per questa disciplina, veri corsi di formazione e veri maestri realmente competenti sono merce rara (però esistono e quindi non disperate).

Ci sono, purtroppo, come dicevo, parecchie figure poco competenti che aprono corsi e federazioni solo per dare sfogo al proprio ego, quindi consiglio di fare molta attenzione perché, oltre a rimetterci economicamente, ci si rimette anche in salute.

Il wrestling non è un gioco, tenetelo sempre a mente.

Se avete possibilità di allenarvi in scuole (anche all’estero) e partecipare ai vari seminari, non esitate a farlo sin da subito in quanto, guardandosi bene attorno, esistono delle proposte molto valide. Si tratterà chiaramente di un investimento su voi stessi in quanto non troverete nessuno che, agli esordi, vi regalerà volo ed alloggio, ma quando parlo di sacrificio mi riferisco, appunto, anche al mettere da parte risorse per poter poi affrontare nuove esperienze (che porterete con voi per tutta la vita).

Mister X
Collaboratore di ITAwrestling.com dal gennaio 2017, ex pro wrestler italiano con anni di esperienza sul ring ora a disposizione dei più giovani atleti per dispensare consigli.

3 thoughts on “Affrontare il pro wrestling con raziocinio

  1. ciao
    nella tua carriera sei mai stato all’estero per formazione ? perchè hai smesso e a che età ? Ti ringrazio

Lascia un commento

*

Top